Zardetto

Conegliano (Treviso)

STORIA

Sono passati ormai quasi cento anni, dal giorno in cui Bepi Zardetto perse il suo carro, i cavalli e l’intero carico di botti durante la ritirata di Caporetto, sul fronte italiano della prima guerra mondiale. Cento anni che hanno visto una famiglia tracciare la propria storia lungo una linea dritta, continua, marcata dal lavoro e dalla passione dei suoi componenti. Tra la medaglia d’argento che nel 1934 premiò Ernesto Zardetto nella categoria Vini Dolci (o, come li chiamava lui, vin da botìglia) e l’affermazione del Prosecco Zardetto sul mercato internazionale e sulle tavole di tutto il mondo c’è solo il lungo percorso fruttuoso della stessa, straordinaria dedizione alla creazione enologica che gli Zardetto si tramandano di padre in figlio. Dopo Bepi, Ernesto e Pino, silenziosi protagonisti di una storia ininterrotta, è toccato a Fabio, unico titolare dal 1998, dare nuova energia all’azienda. Convinto fautore della necessità di dedicarsi esclusivamente alla produzione specializzata di Prosecco Spumante, nel 2002 dà il via ai lavori di costruzione della nuova cantina, dotata di tecnologie d’avanguardia. La sua costante ricerca dell’eccellenza si traduce così in un grande impulso alla modernizzazione delle tecniche spumantistiche, nell’organizzazione ottimale della produzione e nella collaborazione costruttiva con i viticultori di sua fiducia nel vigneti più vocati. Fabio Zardetto, attento selezionatore di uve e grande conoscitore di terroir della Conegliano Valdobbiadene, vuole fermamente che i suoi vini siano espressione delle diverse specificità dei singoli vigneti, frutti della sua ricerca personale e dell’amore per la sua terra.

I nostri vini

Mostrando 1 - 3 di 3 articoli
Mostrando 1 - 3 di 3 articoli